Politica Forense

Ultimo aggiornamento .

Roma, 14 agosto 2015 - Dopo la triste (e non ancora conclusa) storia del regolamento elettorale - bocciato dal punto di vista politico e di legittimità - ecco che arriva il regolamento sulle specializzazioni.

Tralasciando gli ovvi dubbi sulla legittimità di tale testo (su cui ci si riserva di tornare), vogliamo dire chiaramente che questo regolamento NON VA BENE!

Chi ha architettato una simile disciplina della specializzazione forense non solo con ogni probabilità non conosce la realtà professionale degli avvocati ma nemmeno ama questa categoria!

Perché non sfugge come il diritto civile sostanziale e processuaĺe sia stato polverizzato in miriade di "specializzazioni", alcune veramente improbabili (ad esempio "diritto dell'esecuzione forzata").

Non puo' essere sottaciuto il fatto che il conseguimento ed il mantenimento del titolo veda praticamente obbligata la strada della frequentazione di corsi che toglieranno tempo e denaro a professionisti, giá in ginocchio a causa si della crisi ma anche per colpa di una rappresentanza forense (CNF - OUA E CASSA per essere chiari) troppe volte distante e/o debole che non tutela la categoria.

Il prossimo passo quale sarà? Quello di impedire, in assenza di titolo specialistico, l'assistenza legale nella relativa materia?

GLI AVVOCATI HANNO CAPITO LA VERA NATURA E GLI SCOPI di questo regolamento.

Il Movimento Forense, non intende piegarsi a questa logica di polverizzazione della categoria e di business formativo.

Chiediamo ai membri del CNF e dell'OUA, SINGOLARMENTE, di prendere una posizione pubblica circa il regolamento sulle specializzazioni, occorre assumersi la responsabilita' politica e non confondersi nel mare magnum dei deliberati.

Ancora una volta il Movimento Forense fa appello perché le azioni siano unitarie. Finché gli avvocati e le associazioni non si convinceranno ad unire le proprie forze per obiettivi comuni la nostra categoria sarà destinata a soccombere ed a portare di volta in volta a casa le briciole regalate dal Ministro di turno.

Non ci sono avvocati di serie A e B, c'é solo una categoria professionale ... almeno per il Movimento Forense.

UNITI SI VINCE,
DA SOLI SI È UN BERSAGLIO!

(Movimento Forense)
Massimiliano Cesali


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine