Politica Forense

Ultimo aggiornamento .

LE RAGIONI DELLA PROTESTA: L'AVVOCATURA  LE SPIEGA AI CITTADINI ACQUISTANDO UNA PAGINA DEL CORRIERE DELLA SERA

Roma, 18 marzo 2014. Come è noto. da circa un mese i colleghi sardi, seguiti dai colleghi leccesi, hanno deliberato l'adozione di forme di protesta molto "forti" (astensione ad oltranza dalle udienze, cancellazione dalle liste del gratuito patrocinio e delle difese d'ufficio, etc.) per sostenere lo stato di agitazione dell'Avvocatura, motivato dal malfunzionamento della giustizia e dagli aberranti progetti di riforma della giustizia civile adottati senza la concertazione con gli avvocati.

Peraltro, in questi giorni altri Fori stanno interpellando le rispettive Assemblee per decidere come dare lo stesso segnale di ferma reazione allo status quo.

Evidentemente si pone la necessità di informare anche i cittadini delle ragioni dello Stato di Agitazione dell'Avvocatura, giacché sono in discussione fondamentali diritti sostanziali e processuali, di cui l'Avvocatura intende essere garanzia di salvaguardia.

Proprio per spiegare ai cittadini quanto sopra (e cioè perché gli Avvocati stanno protestando), i colleghi sardi e leccesi hanno pubblicato, a proprie spese, nei rispettivi quotidiani locali (http://www.ordineavvocaticagliari.it/docs/news_21_02_2014_42451.pdf ) dei comunicati esplicativi.

ORA PERO' SI PONE L'OBIETTIVO AMBIZIOSO DI RAGGIUNGERE TUTTI GLI ITALIANI per far sapere loro quali sono le conseguenze della politica adottata dagli ultimi Governi in tema di giustizia.

L'idea dei Colleghi sardi è quella di acquistare una pagina del “Corriere della Sera”, per un costo preventivato di € 36.000= iva inclusa.

Ovviamente una simile iniziativa, che riguarda l'Avvocatura (tutta) ed i cittadini, non può essere lasciata alle sole forze della Sardegna.

OCCORRE IL CONTRIBUTO DI TUTTI GLI AVVOCATI ITALIANI.
Ognuno a seconda delle proprie possibilità, ma tutti sono chiamati.

Il Movimento Forense, l'unica associazione forense che da subito è stata vicina ai colleghi che hanno avuto il coraggio di "alzare il tiro" (http://www.movimentoforense.it/redazione/2014/02/09/astensione-ad-oltranza-e-cancellazione-dalle-liste/ ), intende sostenere anche questa iniziativa. È infatti nostra ferma convinzione che debba essere diffuso capillarmente, in ogni luogo e con ogni mezzo, quanto sta accadendo alla giustizia italiana ed il ruolo essenziale dell'avvocatura nella difesa dei diritti dei cittadini.

Ecco perché, il Movimento Forense si è messo a disposizione per diffondere questo nuovo progetto di raccolta anche mediante questa mail che riporta in calce la richiesta di contribuzione, così come originariamente formulata dal gruppo di Colleghi cagliaritani che l’hanno promossa.

Il contributo, a prescindere dall'importo, sarà determinante e potrà essere versato mediante bonifico bancario alle seguenti coordinate:

conto ING Direct intestato al Collega Pierluigi Serra, che coordina l'iniziativa:
codice IBAN IT86N0316901600CC0010760828
causale del versamento: "Quota partecipazione NOME+COGNOME DEL/DEI DONATORE/I per acquisto pagina quotidiano nazionale dagli Avvocati".
Ti chiediamo di comunicare l'avvenuto bonifico tramite mail all'indirizzo pierlui.serra@tiscali.it

E' altresì possibile contribuire al progetto anche tramite una piattaforma di CrowdFounding: https://www.derev.com/it/diamovoceagliavvocati, tramite la quale è anche possibile effettuare il versamento in tutta sicurezza, tramite sistema Paypall.

IL TERMINE ULTIMO DELL'INIZIATIVA E' STATO FISSATO PER IL 28 MARZO P.V. 

Per continuare a svolgere la Nostra amata professione con l’indipendenza, l’autonomia e la libertà che devono contraddistinguerla.

MOVIMENTO FORENSE

 

 


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine