Comunicati Stampa

Ultimo aggiornamento .

ALLARME BOMBA BLOCCA L'ATTIVITA' GIUDIZIARIA A NOCERA INFERIORE

Ieri, 12 dicembre, ancora una volta, è stata sospesa ogni attività giudiziaria a Nocera
Inferiore, al Tribunale come al limitrofo ufficio dei Giudici di Pace.
In verità, l’incresciosa vicenda ha interessato soltanto il settore civile, essendo quello penale
ubicato in un terzo edificio della medesima cittadella giudiziaria e, probabilmente, immune
da attacchi terroristici.
Il sarcasmo è voluto, nonché d’obbligo, atteso che questa non è la prima esperienza simile
che si vive in questo foro, né il primo episodio che si rivela essere falso allarme.
Cosicché, avvocati, giudici, cancellieri ed utenti giudiziari si sono ritrovati tutti ad oziare, per
oltre un’ora, nel piazzale dell’ufficio giudiziario nocerino; e chissà per quale bislacca
motivazione!
Fatto sta che, ripresa regolarmente l’attività, gli unici danneggiati si sono rivelati essere,
come al solito, gli avvocati, che già costantemente impegnati a vagare tra i molteplici uffici,
si sono oggi visti “sequestrare”, per oltre un’ora, in quel di Nocera Inferiore; costretti, nella
migliore delle ipotesi, a differire i prefissati adempimenti, il che, spesso, si traduce in
mancati profitti.
Ebbene, quotidianamente, si fa un gran parlare della perniciosa burocrazia giudiziaria
italica, e più specificatamente dell’eccessiva lungaggine dei processi, così come spesso si
discorre della carenza di personale amministrativo, della mole dei fascicoli arretrati e, da
ultimo, ma non meno pregnante, del sovrabbondare delle norme.
Eppure, da ieri, una new entry... la sicurezza nei luoghi della Giustizia; questa, insomma, si
cimenta costantemente nel garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro, in altre parole la
tutela dei lavoratori, paradossalmente omettendo di garantire proprio l’incolumità di chi in
essa e per essa lavora e vive.
Del resto, le soluzioni sarebbero molteplici, né penso sia difficile cominciare ad abbozzare
una primordiale forma di tutela negli ambienti giudiziari di cui trattasi; si paleserebbe già
sufficiente un metal detector, da porre all’ingresso di entrambi gli edifici interessati
dall’odierno allarme; sistema di sicurezza che misteriosamente manca.
E pensare che, solo pochi mesi addietro, lo stesso edificio dell’ufficio dei Giudici di Pace di
Nocera Inferiore, e con esso ciascuna relativa attività, era, per circa un mese,
completamente serrato. La motivazione? Un edificio integralmente ristrutturato da appena
qualche anno, ma interessato da seri problemi di stabilità strutturale.
È l’Italia! È il sud dell’Italia!
Gennaro Velleca


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine