Politica Forense

Ultimo aggiornamento .

ALLARME AVVOCATURA!

Gentile Collega,

la politica tutta, i sindacati, Confindustria e gli organi di informazione hanno in animo di sferrare l'attacco finale alla nostra categoria.


La scellerata proposta di liberalizzare la nostra professione è tornata drammaticamente in discussione in queste ore.


Fortunatamente l'ipotesi, che prevedeva l'abolizione degli Ordini Professionali non e' stata inserita nel Decreto di Ferragosto (ma solo rimandata) mentre altri provvedimenti che colpiscono la nostra categoria professionale sono stati inseriti (pubblicita' senza limiti, liberi compensi, disciplina non di pertinenza dell'ordine etc).


Ebbene, tali provvedimenti non concorrono in alcun modo alla risoluzione della grave crisi economica italiana; l'attuazion del Decreto determina una concorrenza sfrenata, senza controllo, a scapito della nostra categoria professionale e, soprattutto, del cittadino.


La verità è che l'attuale momento viene sfruttato dai "poteri forti" quale pretesto per realizzare il progetto "ANTIAVVOCATURA", concepito sin dai tempi della Legge Bersani. 


La REAZIONE di chi (CNF e OUA) ha il DOVERE di rappresentarci, al di là dei soliti comunicati ufficiali, è priva di rilevanza esterna.


Proprio per questo, chi decide le sorti della comunità non ci considera ed i MASS MEDIA ci attaccano pubblicamente definendoci una casta, una lobby e paragonandoci addirittura ai NO-TAV. 


Il Movimento Forense invita il Presidente del CNF Guido Alpa, dell'OUA Maurizio De Tilla e tutti i Parlamentari AVVOCATI a far sentire la voce ed imporre la forza e la qualità della Avvocatura unita.


Ti unisco, in calce, la lettera* inviata in data 11 agosto 2011 dal Presidente dell'Ordine di Roma Antonio Conte al Presidente del CNF Guido Alpa con cui lo esorta ad intervenire ufficialmente per scongiurare l'abolizione immediata degli Ordini Forensi.


A tale iniziativa di Roma hanno aderito gran parte degli Ordini d'Italia. 


E' tempo di emergenza, pericolo e allarme; è tempo dell'azione che affratella e che unisce. 


Uniti si vince. Da soli si diventa unicamente bersaglio.


Soprattutto ad agosto... MAI PIU' ANTIAVVOCATURA!


MOVIMENTO FORENSE


Massimiliano Cesali   




Di seguito la lettera del Presidente dell’Ordine di Roma al Presidente del CNF:



CONSIGLIO DELL'ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA

                             Il Presidente

 

Roma, 11 agosto 2011

 

Prot.n.18196 


                               Ill.mo Signor

                                                        Prof. Avv. Guido Alpa

                                                        Presidente Consiglio Nazionale Forense


                                                    e, p.c.


                                                        Ill.mi SignoriPresidenti

                                                       Ordini Distrettuali e Unioni Regionali


                                                                               

Illustre Presidente Guido,

 

ho provato a contattarTi telefonicamente senza fortuna.

 

            Pur correndo il rischio (ma non me ne preoccupo) di essere tacciato di ingiustificato allarmismo, Ti rappresento che mi giungono “rumors” preoccupanti, da più parti e da fonti autorevoli, in ordine alla nuova necessaria manovra del Governo alla luce del cataclisma economico che soffre il Paese in queste ore.

 

            Sembrerebbe (ed uso rigorosamente “il condizionale”) che Confindustria pretenda - nel più ampio e largo quadro dell’intervento sulle liberalizzazioni all’interno del previsto Decreto Legge “straordinario” - di inserire l’abolizione immediata degli Ordini forensi, centrando così un obiettivo individuato da tempo.

 

            Ho grande fiducia nella Tua autorevolezza “politica”, e, quindi Ti pregherei di far sentire forte la Tua voce con il Ministro neo insediato e con i Colleghi Onorevoli a Te vicini, per evitare nuovi “colpi di scure” sulla Categoria forense, già di per sé esanime.

 

            Non vorrei che nello tsunami politico/economico di queste ore - magari solo per offrire una vittima sacrificale ai desideri della Presidente Marcegaglia di Confindustria - l’Avvocatura italiana subisse il colpo di grazia che fino a oggi abbiamo evitato, forse, miracolosamente.

 

            Mi spiace scriverTi con questa preoccupazione - che auspico sarà eccessiva - ma anche in questa “calura estiva” si agitano gelidi e sinistri spettri sulla nostra Categoria e non vorrei, appunto, che ci trovassimo a fine agosto a dover iniziare un’altra battaglia a danno avvenuto.

 

            Come sempre, “piangere dopo” non servirà.

 

            Ti ringrazio della Tua attenzione e sono, ovviamente, a Tua disposizione per quanto possa occorrere, in qualsiasi momento.

            Invio la presente ai Presidenti degli Ordini distrettuali e delle Unioni regionali perché  possano anch’essi tenere alto il livello di allarme con i Colleghi Onorevoli/Senatori vicini/iscritti ai diversi Ordini forensi di appartenenza.

 

            Un caro e cordiale saluto che estendo a tutti gli altri Colleghi Presidenti che leggono per conoscenza.

                                                                                             

 

          Antonio Conte


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine