Politica Forense

Ultimo aggiornamento .

OMICIDIO SANDRI

ESULTANZA INOPPORTUNA

A noi l’esultanza del collega Bagattini non è piaciuta e ci teniamo a dirlo.


Il Movimento per la Dignità Forense, senza voler assumere posizione sulla vicenda Spaccarotella, stigmatizza l’esultanza del collega Bagattini alla lettura della sentenza per l’omicidio Sandri e chiede le scuse ai genitori del ragazzo ammazzato. A tutela della professionalità dello stesso difensore e della categoria.


Senza voler entrare nel dibattito in corso circa la congruità della condanna inflitta al Poliziotto Luigi Spaccarotella per l’omicidio di Gabriele Sandri, come Movimento per la Dignità Forense intendiamo stigmatizzare l’esultanza plateale del collega avv. Federico Bagattini difensore dell’imputato, al momento della lettura della sentenza.

Non siamo moralisti ma il contesto in cui si è data lettura alla sentenza con i genitori del ragazzo che ascoltavano con composta ed addolorata dignità il verdetto subito dietro il legale, non consentono di giustificare l’esultanza pugno al cielo ripresa e diffusa in televisione e via internet.
.

Il Movimento per la Dignità Forense si dissocia dal comportamento del collega. Ci piacerebbe che ciò non fosse accaduto e dato che è accaduto lo sottolineiamo con fermezza, anche se col rispetto massimo per il collega, ritenendo che non ci possono essere attenuanti alla reazione ed anche perché, come è noto, l’imputato non è innocente e non è stato assolto ma è stato condannato per aver comunque ucciso con colpa, anche se non con dolo, il ragazzo i cui genitori erano presenti in aula.

Auspichiamo che il collega possa trovare la sensibilità per scusarsi pubblicamente con la famiglia Sandri per l’accaduto.
A tutela della propria immagine e professionalità ed a tutela dell’immagine e del prestigio  di tutta la categoria.

MDF-ARIA NUOVA


Commenti

Nessun commento.

Registrati per poter commentare.

© 2013 Movimento Forense - Sito sviluppato da Filippo Iovine